Altre imposte

P

PROFILI DI (IN)COSTITUZIONALITÀ DELL’ART. 24 DEL DECRETO RILANCIO RELATIVO ALL’ESONERO DAL VERSAMENTO DEL SALDO E DELL’ACCONTO IRAP

L'esonero dal saldo e dal primo acconto i.r.a.p. previsto dall'art. 24 del Decreto Rilancio è disciplinato, dal punto di vista oggettivo e da quello della individuazione dei beneficiari, in termini tali da legittimare il dubbio circa la legittimità costituzionale di tale disciplina
L

LE SOCIETÀ FIDUCIARIE E L’ESONERO DAL VERSAMENTO DEL SALDO E DELL’ACCONTO IRAP EX ART. 24 DEL “DECRETO RILANCIO”

L'interpretazione costituzionalmente orientata e un'attenta lettura delle disposizioni rilevanti conduce a concludere che l'esonero dal versamento del saldo e dell'acconto IRAP di cui all'art. 24 del "Decreto Rilancio" si applica anche a tutte le società fiduciarie
I

IL MEF CONFERMA CHE NULLA E’ CAMBIATO NELLA DISCIPLINA DELLA COMUNIONE AI FINI DELL’IMU

La risoluzione 2DF del MEF ha confermato che, come già in precedenza, un'area formalmente edificabile deve comunque essere qualificata quale terreno agricolo se anche solo uno dei contitolari sia un coltivatore diretto o uno IAP e lo conduca direttamente.
L

LA DISCIPLINA DELLA COMUNIONE NELLA NUOVA IMU E LA QUALIFICAZIONE DEI TERRENI CONDOTTI DA COLTIVATORI DIRETTI E IAP

Osservazioni sull’art. 1, comma 743, della l. n. 160 del 2019 1. La limitata novità dell’art. 1, comma 743, u.p., della l. n. 160 del 2019 L’ultimo periodo dell’art. 1, comma 743, della l. n. 160 del 2019 – la quale riscrive e riordinare la disciplina dell’i.m.u. – disciplina la comunione ai fini di questa […]
U

UN’IMPORTANTE SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULLA LEGITTIMITA’ DELLE DISCRIMINAZIONI QUALITATIVE

Commento a Corte Cost., sent. 23 dicembre 2019, n. 288 1. Premessa Vi sono sentenze della Corte Costituzionale la cui importanza risiede molto più nei principi enunciati che nella loro applicazione al caso specificamente deciso. La sentenza n. 288 del 2019 è certamente una di queste. Infatti, a prescindere dall’esistenza di alcuni margini di opinabilità […]
R

RISOLUZIONE DEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE E IMU: DALLA CASSAZIONE SOLUZIONI ANCORA OPINABILI

Commento a Cass. civ., Sez. V, sent. 19 novembre 2019, n. 29973 1. Tre non è il numero perfetto La Cassazione ritorna per la terza volta nel volgere di pochi mesi della riferibilità del presupposto dell’IMU all’utilizzatore fino a che questi non riconsegni l’immobile alla società concedente pur dopo la cessazione degli effetti del contratto […]
D

DIVIDENDI ESTERI, IRAP E IL DIFFICILE APPROCCIO DELLE COMMISSIONI TRIBUTARIE AL DIRITTO UNIONALE

Commento a CTP Roma, Sez. 12, sent. 16631/19 del 29 novembre 2019 1. Il problema dell’imponibilità dei dividendi ai fini i.r.a.p. Com’è noto, la Direttiva del Consiglio UE n. 96/2011/UE (c.d. Direttiva “Madre-Figlia”), nel perseguire l’obiettivo di eliminare la doppia imposizione economica sui dividendi ha stabilito che tale finalità possa essere raggiunta esentando dalle imposte […]
I

IL “CAMUFFAMENTO” DELL’IMPOSTA DI BOLLO SUI PRODOTTI FINANZIARI INGANNA ANCHE L’AGENZIA DELLE ENTRATE

Commento alla Risposta n. 496 del 2019 1. Gli inganni dell’imposta di bollo sui prodotti finanziari È opinione largamente condivisa – oserei dire, anzi, unanime – che l’art. 13, comma 2-ter, della Tariffa allegata al d.P.R. n. 642 del 1972 disciplina un’imposta che del “bollo” ha solo il nome, ma non la sostanza. Una delle […]