Guglielmo Fransoni

Imposta sul valore aggiunto

Le clausole di “minimo garantito” e l’IVA (con particolare riguardo alle clausole “take or pay”)

Nel caso di clausole di minimo garantito l’Agenzia ritiene che esse individuino un’autonoma prestazione rilevante ai fini IVA. La casistica attesta che questa affermazione non ha affatto valore generale

Le clausole di “minimo garantito” e l’IVA (con particolare riguardo alle clausole “take or pay”) Continua

Contratti con “prezzo negativo” e obbligazioni di fare

L’Agenzia correttamente afferma che i contratti con prezzo negativo sono quelli in cui il “venditore” in realtà è anche il “committente” di un servizio. Questa giusta soluzione non è sempre valida per le cessioni di contratto e impone di trovare soluzioni adeguate per la determinazione della base imponibile

Contratti con “prezzo negativo” e obbligazioni di fare Continua

Dalla “trasformazione” alla “conversione”: l’ampliamento (in via analogica) dell’ambito di applicazione della disciplina di cui agli artt. 170 e 171 T.U.I.R.

La risposta a interpello afferma, a nostro avviso correttamente, il principio per cui la disciplina fiscale della trasformazione eterogenea si applica, al di là della presenza di una trasformazione in senso proprio, a tutte le operazioni in cui si ha un passaggio di regime.

Dalla “trasformazione” alla “conversione”: l’ampliamento (in via analogica) dell’ambito di applicazione della disciplina di cui agli artt. 170 e 171 T.U.I.R. Continua

La Corte di giustizia UE ridimensiona il nuovo art. 70-quinquies, comma 3-bis, del d.p.r. 633 del 1972

La sentenza della Corte di Giustizia nel caso C-77/19 si sovrappone alla disciplina italiana di cui all’art. 70-quinquies del d.P.R. n. 633 del 1972 come di recente formulata, rendendola in parte superflua e restringendone la portata. La sentenza offre anche spunti di riflessione sulla soggettivitò dei Gruppi IVA e sull’interpretazione delle norme di esenzione

La Corte di giustizia UE ridimensiona il nuovo art. 70-quinquies, comma 3-bis, del d.p.r. 633 del 1972 Continua

MA DOVE STA IL SERVIZIO?! Note minime sull’insostenibile posizione dell’Agenzia in tema di accordi transattivi e IVA

Si critica la tesi dell’Agenzia delle Entrate secondo cui ogni volta che c’è un’operazione consistente in un’obbligazione verso corrispettivo ci sarebbe, per definizione un servizio imponibile

MA DOVE STA IL SERVIZIO?! Note minime sull’insostenibile posizione dell’Agenzia in tema di accordi transattivi e IVA Continua

L’UNICITÀ DELLA PRESTAZIONE AI FINI IVA: UN GRADUALE PASSAGGIO DAL PIANO OGGETTIVO A QUELLO SOGGETTIVO?

La sentenza BlackRock, insieme a molti altri spunti di riflessione, sembra segnare un ulteriore progresso nell’individuazione dei criteri in base ai quali stabilire se più prestazioni formano un’unica prestazione inscindibile

L’UNICITÀ DELLA PRESTAZIONE AI FINI IVA: UN GRADUALE PASSAGGIO DAL PIANO OGGETTIVO A QUELLO SOGGETTIVO? Continua

IL DISTACCO DI PERSONALE È UNA PRESTAZIONE IMPONIBILE AI FINI DELL’IVA

La sentenza della Corte di Giustizia che ha sancito l’imponibilità ai fini IVA delle prestazioni di distacco del personale era attesa. Essa, comunque, contiene un’importante enunciazione di principio: quella della rilevanza delle prestazioni rese a titolo oneroso, anche se non corrispettive. I considerazione dell’efficacia diretta verticale delle direttive, come interpretate dalla Corte di Giustizia, la regola contenuta nella sentenza non dovrebbe poter essere applicata dall’Agenzia “contro” i contribuenti. Ma vi sono motivi per essere molto cauti.

IL DISTACCO DI PERSONALE È UNA PRESTAZIONE IMPONIBILE AI FINI DELL’IVA Continua

LE PRESTAZIONI DI INTERMEDIAZIONE ESENTI AI FINI IVA: SPUNTI DI RIFLESSIONE

La Risposta 75 del 2020 fornisce una nozione particolarmente restrittiva delle prestazioni di intermediazione esenti che è, probabilmente, corretta rispetto alle operazioni di intermediazioni relative al gioco e alle scommesse, ma non è conforme agli orientamenti della Corte di Giustizia UE relativamente alle prestazioni di servizi assicurativi e finanziari.

LE PRESTAZIONI DI INTERMEDIAZIONE ESENTI AI FINI IVA: SPUNTI DI RIFLESSIONE Continua

Torna in alto