L’imposta sui servizi digitali e il “potere di controllo sui dati” come indice di capacita’ contributiva

L’imposta sui servizi digitali, nelle sue tre distinte fattispecie, sembra corrispondere a un tributo il cui presupposto è il controllo sui dati.
L’astratta condivisibilità di tale scelta non esime da alcune perplessità sulla declinazione concreta di taluni profili della complessiva disciplina

L’imposta sui servizi digitali e il “potere di controllo sui dati” come indice di capacita’ contributiva Continua